-Goodbye Darling-

s7tehT43S8nFqTOgGiE4RRastYtwbPWOXPPu8i6gbfbVaMiTvA9qsNvgACnFY7sYz5bHW5XCGvt1JbZ-mcEk0tpbaM_ESfeRzaDl7ZBWPTTnAT4slvh7LyGO4ErM7nM=w400-h267-nc

A differenza del 90% dei miei post che di solito sono leggeri e divertenti  (almeno spero), questo sarà un po’ più profondo ed è anche uno dei motivi per cui sto andando a rilento ultimamente.

Quando atterrai per la prima volta in questo gigantesco paese, non conoscevo praticamente nessuno. Non avevo un lavoro, non avevo amici, non sapevo se mi sarebbe piaciuto, come a tutti quelli che  hanno fatto una scelta come la mia credo. La prima notte mi sono svegliata piangendo e ho sentito un panico dentro di me che non avevo mai provato prima: ero sola. Per la  prima volta nella mia vita non avevo nessuna delle certezze che mi avevano accompagnata per tutta la mia esistenza. La mia famiglia, i miei più cari amici, il mio splendido e pigrissimo micione; erano tutti a 7.705 km da me.

Poi, in breve tempo, tutto è cambiato. Ho incontrato nuove persone, mi sono innamorata, ho cominciato a lavorare e a sentirmi a “casa”. Ovviamente niente e nessuno può sostituire i miei veri affetti, ma è possibile ricreare un ambiente in cui ci di possa sentire a proprio agio.

Poi una sera, 4 mesi dopo, ho conosciuto una di quelle persone che non si incontrano spesso. Per i miei stessi motivi lasciava la Grecia per venire qui, dall’altra parte del mondo, a cercare una vita migliore, un’avventura. Questo forse ci ha unite così tanto, la nostra storia così simile.

Ore e ore a parlare, a ridere, a costruire un’amicizia profonda che mi mancava,  a cui ero abituata in Italia e che avevo lasciato con il cuore a pezzi.

Incredibile poi quante parole simili tra greco e italiano 😉

Tutte e 2 europee in una terra americana, potevamo scherzare e prendere in giro ‘sti soggettoni che pensano che il burro è meno grasso dell’olio d’oliva :))))

Grazie a lei sono riuscita ad ammortizzare le mie crisi, i miei momenti di sconforto, ho potuto piangere e telefonare all’improvviso alle 2 di notte solo per parlare. Questa persona meravigliosa mi ha fatto dimenticare per qualche minuto che mia madre, la mia mamma fantastica, non era li e che la mia migliore amica,  cresciuta con me, non era nella casa di fianco a cui potevo correre in ogni momento.

Il sogno canadese per ora non si è avverato per lei, ed è per questo che fra meno di 15 giorni sarà di nuovo ad Atene, pure più lontana dell’Italia.

Scrivo questo post come omaggio alla mia amica e per aiutare me stessa ad accettare il fatto che mi sentirò un pochino piu sola, per non dire molto.

Sono grata e felice di aver conosciuto una persona così speciale, con un grande cuore e un cervello niente male e spero davvero di poterla rivedere prima o poi.

Sperando di non essere stata troppo pallosa e sdolcinata, vi abbraccio e dedico un pensiero a chi come me, per scelta o per obbligo, è lontano dalla sua terra.

To my greek-canadian best friend, with deep love

Emma York

Annunci

39 thoughts on “-Goodbye Darling-

  1. Ho provato la stesso inizio tuo, ma solo 10 volte più facile del tuo, essendomi trasferito a 1000 km ma pur sempre in Italia.
    Ho cominciato da zero, è vero, ma comunque non avevo il problema del fuso. E la prima notte non ho pianto, non ce n’era bisogno. Ti capisco e mi spiace tantissimo per te, per la tua perdita, perchè perdere un’amica speciale è sempre una perdita. Ti auguro tu possa comunque sentirla spesso anche se non sarà la stessa cosa. Ti auguro di ripartire nella speranza che tu possa trovare altre amicizie altrettanto valide. Nel frattempo se hai bisogno sfogati qui con noi e con i tuoi cari amici Canadesi, magari meno speciali, ma pur sempre amici 🙂

    Liked by 1 persona

    • Le tue parole sono dolcissime e voi bloggers siete speciali e come! Siete un po’una seconda casa, dove mi rifugio spesso e purtroppo per voi vi dovete sucare tutto ciò che mi passa per la mente :)))
      La sentirò sicuramente la mia amica e col tempo mi abituero’ anchea questo, così come mi sono abituata ad un nuovo continente; )
      Grazie ancora del sostegno!
      Un bacione

      Liked by 1 persona

  2. Emma cara non sentirti sola, sei fra amici e scrivi quando hai bisogno, la tua amica anche se lontana ci sara’ sempre, sei una persona coraggiosa perche’ hai lasciato i tuoi cari per inseguire un sogno che si e’ realizzato, un bacione grandissimo, i tuoi post sono sempre molto belli, carichi di ironia e scritti molto bene, con affetto, Laura. ❤

    Liked by 1 persona

  3. Ci vuole coraggio e determinazione per fare scelte come la tua, si deve cominciare da zero….e da soli, mi spiace che per la tua amica non sia andata come sperava, vedrai che incontrerai altre persone speciali! 🙂

    Mi piace

  4. Hai scritto una cosa bellisima emma, sono stata anche io straniera in terra straniera e lontana da casa, ma per me è stato un gioco, doverlo fare più per necessità è molto diverso. La tua amica tale rimarrà, anche se distanti e in questo il web ci aiuta tantissimo. E poi c’è questa piccola comunità che a me tende sempre una mano quando sento che tutto è un po’ pesante. Un abbraccio.

    Liked by 1 persona

  5. ho fatto l’emigrante per quasi tutta la vita, lo sto rifacendo ancora adesso e tra un paio di settimane mi sposto con un “one-way ticket” nel Middle East: trovo tanta verità e tanto passato simile nelle tue parole … Καλή τύχη , Έλληνα φίλο

    Liked by 1 persona

  6. La situazione che hai descritto nel tuo post è molto comune. La maggior parte delle amicizie (e degli amori) hanno un periodo d’oro più o meno lungo e poi o iniziano a percorrere piano piano una parabola discendente oppure, come nel tuo caso, avviene una separazione fisica o comunque un altro evento “traumatico” che porta le due persone ad allentare i rapporti.
    Per questo ho imparato 1) a tenere sempre presente che le amicizie, anche quelle apparentemente più salde e indissolubili, sono in realtà dei rapporti generalmente fragili, 2) a godermi ogni singolo momento del periodo d’oro, perché so che purtroppo all good things must come to an end.
    In teoria avrei dovuto imparare anche a non affezionarmi troppo alle persone, ma purtroppo non ce la faccio: mi affeziono anche agli oggetti, figuriamoci agli amici.

    Liked by 2 people

  7. E’ davvero triste un distacco improvviso da una persona che quando stavi per scoppiare è stata la tua salvezza. Ma penso che tu sia più predisposta per affrontare i distacchi affettivi, oltre che -ormai-… non dico abituata, ma sicuramente ben allenata.
    Mi viene da citare un pezzetto di un libro molto famoso:
    I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color d’oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano

    Liked by 1 persona

  8. Onestamente, pensavo che tu ti fossi trasferita li per amore. Invece apprendo che l’amore è venuto dopo. Ti sei trasferita per un’avventura, dici. Beh, questa è una cosa che non capisco e che non farei mai, quindi non posso dirti che t’invidio o che ti comprendo. Ma se sei felice così, posso dirti che hai fatto bene…e sono felice per te.

    Mi piace

    • Be’ si può chiamare avventura o voglia di costruirsi un futuro che nel tuo paese forse non avrai mai 😉
      E cmq il post non é a proposito della mia avventura, parla di qualcuno a cui voglio molto bene che se ne va. Sarebbe lo stesso se lasciasse l’Italia 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...