“Per Sempre”? Va bene se parli di un Trilogy ;)

trilogy

“Giuly & Niki amike per sempre”, “Chicco ti amo forever”, frasi tipiche dell’adolescenza con cui i pischelletti imbrattano (li mortacci loro) muri, panchine e autobus (solo in Italia ovviamente, se lo fai negli Usa c’è un cecchino del governo che ti secca all’istante) pieni di amorr adolescenziale e di speranze che poi nel mondo reale o semplicemente nella vita adulta, si rivelano molto utopistiche.

Io adoro le favole, vado pazza per il lieto fine, piango per il Sì detto all’altare e scrivo post sui matrimoni, tanto per dirne una, ma non posso negare di aver imparatola lezione che la vita tenta di insegnarmi da tempo. E così come a me, credo che provi ad insegnarla a molti, solo che c’è chi preferisce non vedere, chi sta zitto per paura o chi va avanti per inerzia solo per evitarsi un dolore in più.

In amore come in amicizia, ma a volte anche in famiglia, ci sono diatribe e situazioni che possono mettere in dubbio la più salda delle relazioni; perfino fratelli e sorelle arrivano a non parlarsi più per motivi di soldi o chissà cos’altro (io per fortuna ho un fratellone meraviglioso che adoro più della mia vita). Ma quando da piccola/o giocavi con il tuo fratellino/sorellina, ti saresti mai immaginata che un giorno anche solo il suo nome ti avrebbe dato fastidio o avrebbe dato fastidio a lui? E che l’uomo/donna con cui sei stata per 15 anni avrebbe messo fine a tutto o che tu saresti arrivata a trovarlo indifferente? E la tua migliore amica, quella con cui sei cresciuta, con cui hai parlato per ore al telefono, pianto per il tuo primo amore, fatto il tuo primo viaggio, ti saresti mai aspettata di non volerla mai più salutare o di non girarti nemmeno alla sua presenza?

catena

Tranquilli, non mi voglio dare a post impegnativi o fare la psicologa di nessuno, è solo che a volte, quando mi capita di stare a quattro di bastoni senza fare una ceppa, comincio a viaggiare con la mente e a mettere insieme le immagini e le storie di chi mi sta intorno, collegate o meno che siano con me. E allora mi accorgo di quanto è bello a volte non capire una mazza, perchè se sei un pò deficiente (come il 70% dei soggetti ultradiscutibili che si incontrano in un anno) non capisci di che pasta sono fatti veramente molti umani.

C’è chi per dire un “ti voglio bene” ci mette una vita e chi invece lo usa come le chiavi della macchina; ma entrambi possono essere annullati, entrambi possono non durare per sempre.

E’ come il “ti amo” che poi quando lui o lei ti mandano a cagare, il poraccio di turno dice “Ma mi aveva detto che era per sempre, me lo aveva giurato!”. Eeehhh si, caro mio, anche Enrico VIII lo aveva detto ad Anna Bolena (la mia figura storica preferita), peccato che poi ci abbia ripensato!  😉

“Forever Yours”  😀

Emma York

Annunci

20 thoughts on ““Per Sempre”? Va bene se parli di un Trilogy ;)

  1. Questo si chiama aver le idee chiare…, poi pero’, visto che niente e’ for ever , hai visto mai….?
    Hai ragione da vendere , io la penso come te in linea di massima , e per me la realtà , e il “qui e ora”, sono alla base della salute mentale di qualsiasi individuo, mah….anche il dubbio e’ un gran maestro di vita perché solo nel dubbio si continua a cercare….

    Anch’io ho preso delle portate in faccia , naturalmente , ma sai che non mi hanno vaccinata?
    Bello il tuo post , ma bello ,bello , auguri!

    Liked by 2 people

  2. Per sempre= avverbio, utilizzabile anche nella sua forma negativa “nulla è mai per sempre”…
    La vita è una realtà relativa ed in movimento, i saggi non usano mai forme assolute!
    Essendo relativa, tutto può essere o può non durare…
    L’amore di mio padre e mia madre è durato oltre la morte di uno dei due… mia madre si è lasciata andare dopo la morte del compagno di una vita, del padre dei suoi figli…
    Da tale esempio, avrei potuto io abbassarmi a qualcosa di meno? (ecco quindi che sono single in pratica da una vita).
    A volte, quindi, l’avere avuto prove dell’esistenza delle cose, non aiuta affatto… … …
    Buona serata Emma, anzi buonanotte!
    (BacioBacio)

    Mi piace

  3. “C’è chi per dire un “ti voglio bene” ci mette una vita e chi invece lo usa come le chiavi della macchina; ma entrambi possono essere annullati, entrambi possono non durare per sempre”
    Sì, però ho notato che se ci si mette una vita a dirlo, di solito il rapporto poi si dimostra più duraturo del classico fuoco di paglia di chi lo usa come le chiavi della macchina.

    non capisci di che pasta sono fatti veramente molti umani.
    E qui salta fuori il classico e immancabile lato rancoroso di questi discorsi, che tra le righe dice “io vado bene e sono solo una vittima, sono gli altri che sono stronzi”.

    Liked by 1 persona

  4. Bellissimo post, Emma. Non capire una mazza certo aiuta a vivere ma non aiuta a migliorare ed il nostro fine è quello di evolverci, affrontando anche le cose negative. Ah, “stare a quattro di bastoni senza fare una ceppa” mi ha fatto sbellicare….. 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...